quantodurailsempre@gmail.com

Quanto dura il sempre

Recensioni

“Il villaggio di Stepànčikovo” di Dostoevskij: sorridere a stento tra i bocconi amari

Un lettore abituato alla profondità delle riflessioni dostoevskijane rimarrà inizialmente sorpreso e quasi deluso dalla prima parte di questo strano romanzo, annoverato tra le opere minori dello scrittore, intitolato Il villaggio di Stepànčikovo e i suoi abitanti. Sin dalla struttura, infatti, si nota qualcosa di diverso dal semplice romanzo: una prima e una seconda parte come fossero il primo e il…
Leggi tutto

“Il rumore del tempo”: la travagliata vita di Šostakovič raccontata da Julian Barnes

Il 6 settembre 2016, Julian Barnes è tornato nelle librerie Italiane con “Il rumore del tempo”: un romanzo sulla vita e l’opera del grande compositore russo Dmitrij Šostakovič. Quella che segue è la mia recensione del libro, pubblicata il 10 ottobre 2016 su Ghigliottina.it | Un nuovo taglio all’informazione. A tre anni dal precedente romanzo, Einaudi pubblica Il rumore del tempo (collana Supercoralli), il nuovo libro di Julian Barnes, scrittore britannico già…
Leggi tutto

“Netočka Nezvánova”, il romanzo che Dostoevskij lasciò incompiuto

Ad alcuni grandi scrittori ci si dovrebbe avvicinare a piccoli passi, leggendo per prime le eventuali opere lasciate incompiute o incomplete, perché proprio attraverso quell’incompiutezza – fortuita o voluta che sia – può nascere dentro di noi la sete della loro scrittura. È il caso di Fëdor Dostoevskij (1821-1881) che, tra gennaio e aprile del 1849, pubblica sulla rivista letteraria…
Leggi tutto

Mantova: lancette in vista nella Torre dell’Orologio

“Che cosa è dunque il tempo? Se nessuno me ne chiede lo so bene; se volessi darne spiegazione a chi me ne chiede, non lo so…” Nel presentare ai lettori la raccolta di racconti Il tempo invecchia in fretta, Antonio Tabucchi tirava spesso in ballo questo passaggio delle Confessioni di Sant’Agostino, spiegando che si può scrivere di tempo senza chiedersi che cosa sia,…
Leggi tutto

“E finalmente arrivò il settembre”, Antonio Tabucchi

Tra le cose che Antonio Tabucchi continuerà a trasmettere a chiunque entrerà in contatto con la sua scrittura – nonostante l’apparente distanza che la morte lascia dietro di sé – c’è sicuramente l’amore per l’atto intrinseco del narrare. Prima ancora del testo scritto, è la narrazione orale che caratterizza lo stile letterario e la personalità stessa dello scrittore pisano, per il quale il racconto è quasi…
Leggi tutto